Uocchie c’arraggiunate nacque, come tante altre canzoni, in un caffè. Per l’esattezza il Caffè Croce di Savoia, nelle cui sale si ritrovavano spesso sia Alfredo Falcone Fieni che Rodolfo Falvo. Secondo Adolfo Narciso, è lì che i versi di Falcone furono musicati dal compositore noto come il Mascagnino. Il brano fu lanciato da Gennaro Pasquariello nel 1904.
Discreto il successo internazionale come testimoniato da uno spartito dell’editore Raffaele Izzo che riporta la traduzione in francese e inglese. La prima con il titolo Beaux yeux qui parlez! e la seconda con il titolo Oh! Lovely speaking eyes.
Si segnalano le versioni di Roberto Murolo, Maria Nazionale, Lina Sastri e Peppe Barra. Indimenticabile l’accenno che ne fece Eduardo De Filippo nella commedia Gennariello. Struggente la scena in cui, nei panni del protagonista, la canta alla moglie Concetta, la straordinaria Pupella Maggio, dopo una sbandata amorosa.

IL TESTO DI UOCCHIE C’ARRAGGIUNATE

St’uocchie ca tiene belle,
lucente ccchiù d’ ‘e stelle,
sò’ nire cchiù d’ ‘o nniro
só’ comm’a duje suspire.

Ogne suspiro coce,
ma tene ‘o ffuoco doce
e, comme trase ‘mpietto,
nun lle dà cchiù arricietto.

E chi ve pò scurdá,
uocchie ch’arraggiunate
senza parlà?
Senza parlà?
A me guardate, sì,
e stàteve nu poco,
comme dich’i’,
comme dich’i’,
comme vogl’i’.

Sò nire, cchiù sblennente
‘e ll’ebano lucente.
Comm’a na seta fina
só’ ll’uocchie ‘e Cuncettina.

Sempe ca ‘e ttèngo mente,
nce trovo sentimente
pecché nce sta nu vezzo,
ca i’ guardo e ll’accarezzo.

E chi ve pò scurdá,
uocchie ch’arraggiunate
senza parlà?
Senza parlà?
A me guardate, sì,
e stàteve nu poco,
comme dich’i’,
comme dich’i’,
comme vogl’i’.

Sciure e frónne addirose,
nun cerco tanta cose.
Né ‘a cchiù bella guagliona,
si è ricca, mm’appassiona.

Ma tutt’ ‘a simpatia,
ma tutt’ ‘a vita mia,
mme giova o mm’arruvina,
só’ ll’uocchie ‘e Cuncettina.

E chi ve pò scurdá (rit)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu