(De Mura-Aracri-Gigante) • 1958

Tuppe tuppe mariscià racconta la storia di Carmelina, giovane donna che ammalia tutti gli uomini di un paesino. Soprattutto, però, racconta la rivolta delle loro donne. A guidarla è la più intraprendente che si rivolge al maresciallo per porre fine alla questione. La richiesta è che arresti quella mala chiappa ‘e mpesa, ma lo stesso maresciallo se ne è invaghito.

Tuppe tuppe mariscià appartiene alla migliore tradizione della canzone umoristica napoletana. Il suo successo è indissolubilmente legato al nome di Maria Paris, che interpretò con stile l’allegro motivetto.

Tuppe tuppe mariscià si classificò seconda (ex-aequo con Giulietta e Romeo) al Festival di Napoli del 1958. Fu presentata proprio da Maria Paris e da Nicla Di Bruno. La sua popolarità superò i confini nazionali e fu tradotta anche in francese con il titolo La fenêtre ouverte. Tuppe tuppe mariscià ispirò il film È permesso, maresciallo? di Carlo Ludovico Bragaglia, in cui fu sempre Maria Paris a cantarla proprio lei a cantarla. È stata interpretata anche da Claudio Villa, Aurelio Fierro, Marisa Del Frate e Miranda Martino

TESTO DI TUPPE TUPPE MARISCIÀ

Nisciuno cchiù fatica a stu paese,
songo arze ‘e tterre, ‘e ppiante só’ seccate.
‘A gente nun ragiona, è giá nu mese.
‘Sta cosa nun pò ghì,
no, nun pò ghì, no,
e si nisciuno parla, mo parl’i’.

Tuppe-tuppe mariscià’,
arapite, sò’ n’amico.
Mo ve conto, mo ve dico
pecché só’ venuto ccà.
Tuppe-tuppe mariscià’,
arapite mariscià.

‘A sapite a Carmilina
ca sta ‘e casa ‘ncopp’ ‘a scesa?
E’ na mala chiappa ‘e ‘mpesa,
vuje ll’avit’ ‘a fá arrestà.
Mo ve dico mariscià’,
mo ve conto marisciá’.

Nisciun’ommo ‘e stu paese
da Carmela s’è salvato.
Ogneduno è affatturato
pe’ nu vaso ch’essa dà.
Jammo, ja’, mariscià’.

Pe’ capriccio e no p’ammore,
cu nu vaso ‘e fuoco ardente,
avvelena a tanta gente.
Nun ‘e fà cchiù ragggiunà.
E na legge nun ce sta?
Pruvvedite mariscià’.

‘Ntuono ‘e Cuncetta, Mineco, Pascale,
Vicienzo, Ciro, só’ arredutte mieze.
‘O farmacista e ‘a giunta comunale,
nun sanno cchiù parlà,
no, cchiù parlà, no,
che guajo pe’ stu paese mariscià’.

Tuppe-tuppe mariscià’,
arapite, sò’ n’amico.
Mo ve conto, mo ve dico
pecché só’ venuto ccà.
Tuppe-tuppe mariscià’,
arapite mariscià.

Marisciá’ vuje nun parlate?
Ma pecché nun rispunnite?
Mariscià’, che ve sentite?
Nun ‘ngarrate cchiù a parlà?
Pure vuje v’ît’ ‘a curà.

Bonanotte, mariscià’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu