(Nicolardi – E.A.Mario) • 1944

Eduardo Nicolardi scrisse i versi di Tammurriata nera ispirandosi ad un episodio reale. Dirigente amministrativo all’ospedale Loreto Mare, gli capitò di assistere alla nascita di un bambino di colore da una mamma napoletana.

Uno dei tanti “figli della guerra” che videro la luce nella Napoli occupata dagli americani. Una città provata da una condizione di miseria e stenti, che gravava soprattutto sulle donne, costrette a volte a prostituir­si per sopravvivere.

Costruita su un incisivo ritmo di tammurriata, la canzone venne accolta con grande favore e fu inserita da Vittorio De Sica nel film Ladri di biciclet­te.

Prima interprete fu Vera Nandi, ma a consacrarla fu soprattutto Roberto Murolo.

Ancora oggi è molto diffusa la versione della Nuova Compagnia di Can­to Popolare che, a metà anni Settanta, raggiunse la hit parade. Peculiarità di questa interpretazione è l’aggiunta di una strofa finale ricavata dall’adattamento in napoletano di alcuni versi della canzone Pistol Packin’ Mama di Al Dexter

Dura la presa di posizione James Senese, anch’egli di figlio di un americano di colore e di una napoletana, secondo cui Tammurriata nera è una canzone razzista.

TESTO DI TAMMURRIATA NERA

Io nun capisco, ê vvote, che succede,
e chello ca se vede
nun se crede! Nun se crede!
E’ nato nu criaturo niro, niro
e ‘a mamma ‘o chiamma Giro,
sissignore, ‘o chiamma Giro.

Seh! Gira e vota, seh!
Seh! Vota e gira, seh!
Ca tu ‘o chiamme Ciccio o ‘Ntuonno,
ca tu ‘o chiamme Peppe o Giro,
chillo, ‘o fatto, è niro, niro,
niro, niro comm’a che!

‘O contano ‘e ccummare chist’affare:
“Sti fate nun sò’ rare,
se ne contano a migliare!
A ‘e vvote basta sulo na guardata,
e ‘a femmena è restata,
sott’ ‘a botta, ‘mpressiunata”.

Seh! Na guardata, seh!
Seh! Na ‘mpressione, seh!
Va’ truvanno mo chi è stato
ch’ha cugliuto buono ‘o tiro,
chillo, ‘o fatto’, è niro, niro,
niro, niro comm’a che!

Ha ditto ‘o parulano:” Embè parlammo,
pecchè, si raggiunammo,
chistu fatto nce ‘o spiegammo!
Addò’ pastìne ‘o ggrano, ‘o ggrano cresce,
riesce o nun riesce,
sempe è grano chello ch’esce!”

Meh! Dillo â mamma, meh!
Meh! Dillo pure a me!
Ca tu ‘o chiamme Ciccio o ‘Ntuonno,
ca tu ‘o chiamme Peppe o Giro,
chillo, ‘o fatto, è niro, niro,
niro, niro comm’a che!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu