(Bovio – Buongiovanni) • 1925

Lacreme napulitane è un classico della canzone napoletana con versi di Libero Bovio e musica di Francesco Buongiovanni. Il racconto è incentrato sulla lettera che un emigrante scrive dall’America alla vecchia madre, rimasta a Napoli con i suoi bambini.

Solitudine e nostalgia permeano un testo accompa­gnato da una splendida e commovente melodia in cui si susseguono slanci, sofferenza e note struggenti.

Lanciata da Gennaro Pasquariello al Teatro Politeama Giacosa di Napoli, Lacreme napulitane ha fatto il giro del mondo con interpretazioni eseguite secondo una notevole varietà di stili come confermano le versioni di Mario Merola e Roberto Murolo.

TESTO DI LACREME NAPULITANE

Mia cara madre,
sta pe’ trasí Natale,
e a stá luntano cchiù mme sape amaro.
Comme vurría allummá duje o tre biangale,
comme vurría sentí nu zampugnaro.

A ‘e ninne mieje facitele ‘o presebbio
e a tavula mettite ‘o piatto mio.
Facite, quann’è ‘a sera d’ ‘a Vigilia,
comme si ‘mmiez’a vuje stesse pur’io.

E nce ne costa lacreme st’America
a nuje Napulitane.
Pe’ nuje ca ce chiagnimmo ‘o cielo ‘e Napule,
comm’è amaro stu ppane.

Mia cara madre,
che só’, che só’ ‘e denare?
Pe’ chi se chiagne ‘a Patria, nun só’ niente.
Mo tengo quacche dollaro, e mme pare
ca nun só’ stato maje tanto pezzente.

Mme sonno tutt’ ‘e nnotte ‘a casa mia
e d’ ‘e ccriature meje ne sento ‘a voce,
ma a vuje ve sonno comm’a na “Maria”
cu ‘e spade ‘mpietto, ‘nnanz’ô figlio ‘ncroce.

E nce ne costa lacreme st’America
a nuje Napulitane.
Pe’ nuje ca ce chiagnimmo ‘o cielo ‘e Napule,
comm’è amaro stu ppane.

Mm’avite scritto
ch’Assuntulella chiamma
chi ll’ha lassata e sta luntana ancora.
Che v’aggi’ ‘a dí? Si ‘e figlie vònno ‘a mamma,
facítela turná chella “signora”.

Io no, nun torno, mme ne resto fore
e resto a faticá pe’ tuttuquante.
I’, ch’aggio perzo patria, casa e onore,
i’ só’ carne ‘e maciello, só’ emigrante.

E nce ne costa lacreme st’America
a nuje Napulitane.
Pe’ nuje ca ce chiagnimmo ‘o cielo ‘e Napule,
comm’è amaro stu ppane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu