(Capaldo – Gambardella) • 1906

Comme facette mammeta è una canzone popolare nel significato più pieno e bello del termine. Popolare per le umili origini dei suoi due geniali autori, Giuseppe Capaldo, cameriere al Caffè Turco, e Salvatore Gambardella, garzone di bottega. Popolare perché probabilmente riprendeva note e parole tramandate per via orale. E, infine, popolare perché la sua contagiosa allegria ha raggiunto un pubblico sterminato.

Il primo interprete fu una donna, Antonietta Rispoli, che la propose nel corso della Piedigrotta 1906 al teatro Eldorado. A renderla un successo ci pensò, poi, la grande Elvira Donnarumma.

Di recente John Turturro l’ha inserita nel suo film “Passione” nella versione di Pietra Montecorvino.

TESTO DI COMME FACETTE MAMMETA

Quanno mammeta t’ha fatta,
quanno mammeta t’ha fatta.
Vuó’ sapé comme facette?
Vuó’ sapé comme facette?

Pe’ ‘mpastá sti ccarne belle,
pe’ ‘mpastá sti ccarne belle.
Tutto chello ca mettette?
Tutto chello ca mettette?

Ciento rose ‘ncappucciate,
dint’ ‘a mártula mmescate.
Latte, rose, rose e latte,
te facette ‘ncopp’ ‘o fatto.

Nun c’è bisogno ‘a zingara
p’andiviná, Cuncè’.
Comme t’ha fatto mammeta,
‘o ssaccio meglio ‘e te.

E pe’ fá ‘sta vocca bella,
e pe’ fá ‘sta vocca bella.
Nun servette ‘a stessa dose,
nun servette ‘a stessa dose.

Vuó’ sapé che nce mettette?
Vuó’ sapé che nce mettette?
Mo te dico tuttecosa,
mo te dico tuttecosa.

Nu panaro chino, chino,
tutt’ ‘e fravule ‘e ciardino.
Mèle, zuccaro e cannella,
te ‘mpastaje ‘sta vocca bella.

Nun c’è bisogno ‘a zingara
p’andiviná, Cuncè’.
Comme t’ha fatto mammeta,
‘o ssaccio meglio ‘e te.

E pe’ fá sti ttrezze d’oro,
e pe’ fá sti ttrezze d’oro.
Mamma toja s’appezzentette,
mamma toja s’appezzentette.

Bella mia, tu qua’ muneta?
Bella mia, tu qua’ muneta?
Vuó’ sapé che nce servette?
Vuó’ sapé che nce servette?

Na miniera sana sana,
tutta fatta a filagrana,
nce vulette pe’ sti ttrezze,
che, a vasá, nun ce sta prezzo.

Nun c’è bisogno ‘a zingara,
p’andiviná, Cuncè’.
Comme t’ha fatto mammeta,
‘o ssaccio meglio ‘e te.

Radio Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu