Bammenella è forse la migliore rappresentazione dell’irrequieto universo di diseredati magistralmente cantato da Raffaele Viviani. La canzone nacque come numero di varietà nel 1912. Inizialmente, l’andamento musicale si rifaceva a Valse brune, brano popolare francese rielaborato da George Krier. Successivamente, però, Viviani gli adattò un arrangiamento originale, molto più articolato. Con questa nuova veste, nel 1918 Bammenella fu inserita come canto di scena nella Toledo di notte. Di quella scena è protagonista assoluta una figura di donna molto lontana dai rassicuranti canoni femminili dell’epoca.

CHI ERA BAMMENELLA

La storia è quella di Ines, alias Bammenella, una prostituta che non teme di affrontare la legge pur di salvare il suo uomo. Si tratta di un compagno che vive di malaffare, di fatto il suo protettore, rispetto al quale è remissiva. In pratica, è tutt’altro che spavalda e sfrontata. Per lui, seduce il brigadiere che lo ha arrestato, gli compra regali, addirittura accetta in silenzio di essere picchiata. Perché? Perché chi sta int’o peccato ha da tene ‘o nnammurato, ma soprattutto perché crede che lui la ami, anche se nun ‘o ddà a paré.

Bammenella raggiunse una certa popolarità, già nella sua prima versione. Infatti, nel 1912 il posteggiatore Pietro Mazzone incise una versione a risposta intitolata Bambeniello, su versi di Diodato Del Gaizo. Il mondo rappresentato non cambia, il protagonista diventa un guappo molto convenzionale, che, però, è legato alla stessa. Bammenella di Viviani. So’ Bambeniello d’ ‘o vico Pulito e a fà ‘o sciammerie songo ‘o papà (…) cu Bamminella na femmena ‘e core io faccio l’ammore e me molla l’argent.

LE INTERPRETI

Luisella Viviani fu la prima interprete di Bammenella, al Teatro Umberto di Napoli. Tra le versioni più apprezzate, quelle di Concetta Barra, Marina Pagano, Leopoldo Mastelloni e Ornella Vanoni. Notevole anche le interpretazioni di Angela Luce., Maria Nazionale e Lina Sastri.

TESTO DI BAMMENELLA

So’ “Bammenella” ‘e copp’ ‘e Quartiere,
pe’ tutta Napule faccio parlá,
quanno, annascuso, p’ ‘e vicule, ‘a sera,
‘ncopp’ ‘o pianino mme metto a ballá.

Vene ‘ambulanza?
‘Int’a niente mm’ ‘a squaglio.
E, si mm’afferra, mme torna a lassá.
‘Ncopp’ ‘a quistura, si ê vvote ce saglio,
è pe’ furmalitá.

Cu ‘a bona maniera,
faccio cadé ‘o brigatiere,
piglio e lle véngo ‘o mestiere,
dico ca ‘o tengo ccá.

‘O zallo s’ ‘o ‘mmocca,
ll’avota ‘a capa e s’abbocca,
ma, nun appena mme tocca,
mme n’ha da manná.

Mme fanno ridere cierti pperzone
quanno mme diceno: “Penza pe’ te”.
Io faccio ‘ammore cu ‘o capo guaglione
e spènno ‘e llire p’ ‘o fá cumparé.

Stó’ sotto ‘o dèbbeto, chisto è ‘o destino,
ma c’è chi pava pirciò lassa fá.
Tengo nu bellu guaglione vicino
ca mme fa rispettà.

Chi sta ‘int’ ‘o peccato,
ha da tené’ ‘o ‘nnammurato,
ch’appena doppo assucciato,
s’ha da sapé appiccecá.

E tutt’ ‘e sserate,
chillo mm’accide ‘e mazzate.
Mme vò’ nu bene sfrenato,
ma nun ‘o ddá a paré’.

Mo só’ tre mise ca ‘o tengo malato.
Sacc’io che spènno pe’ farlo saná.
Però, ‘o duttore, cu me s’è allummato,
pe’ senza niente mm’ ‘o faccio curá.

E tene pure ‘o mandato ‘e cattura;
priesto, ‘ambulanza s’ ‘o vène a pigliá.
Io ll’aggio ditto: “Sta’ senza paura,
pe’ te, ce stóngo io ccá”.

Cu ‘a bona maniera,
faccio cadé ‘o brigatiere,
mentre io lle vengo ‘o mestiere,
isso have ‘o canzo ‘e scappá.

Pe’ me, ‘o ‘ssenziale,
è quanno mme vasa carnale.
Mme fa scurdá tutt’ ‘o mmale
ca mme facette fá.

tasto homepage

1 Commento. Nuovo commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu