Accarezzame fa parte di quella schiera di canzoni napoletane che hanno acquisito lo status di “classici” sebbene composte in epoca moderna. Come Anema core, Tu sì ‘na cosa grande o Malafemmena, la sua genesi non risale, infatti, al cosiddetto periodo d’oro ma al 1954, anno in cui dominò la Piedigrotta Bideri. A ripercorrere la sua nascita, però, un’altra particolarità salta agli occhi: è una canzone napoletana molto settentrionale…

LA STORIA DI ACCAREZZAME

Sono almeno tre le città nordiche che si rintracciano nella storia di Accarezzame.. A MIlano risiedeva il napoletano Nicola Salerno quando ne scrisse i versi. Di Voghera era originario, invece, Pino Calvi, l’eccelso pianista autore della parte musicale. Da Trieste, infine, proveniva Teddy Reno, che la eseguì al teatro San Ferdinando imponendola poi all’attenzione del grande pubblico.

Casualità geografiche, non c’è che dire, che però rivelano come, all’epoca, la canzone napoletana fosse sinonimo di canzone italiana. E come la sua diffusione andasse ben oltre i confini regionali. La riprova che la produzione di musica partenopea avesse una dimensione nazionale arriva anche dall’elenco degli interpreti di Accarezzame. Nel giro di pochi anni la incisero, tra gli altri, Iva Zanicchi, Johnny Dorelli, Gigliola Cinquetti e Fred Bongusto. Ad ulteriore conferma, poi, la presenza della canzone in almeno due film: Cantate con noi e Lacrime di sposa, entrambi del 1955.

Storia

Pino Calvi accompagna al piano Teddy Reno alla Piedigrotta Bideri 1954

TEDDY RENO & CO.

A proposito di Accarezzame, va ricordato che non fu la sola canzone cantata da Teddy Reno. e firmata da Nisa e Calvi. Sempre quell’anno e sempre nell’ambito della Piedigrotta Bideri, i tre proposero anche altri due brani: Voglio cantà e Mamma napulitana. Non ebbero lo stesso successo di Accarezzame, ma rafforzarono la credibilità del cantante triestino come interprete di canzoni napoletane.

TESTO DI ACCAREZZAME

Stasera, core e core, ‘mmiez’ô ggrano,
addó’ ce vede sulamente ‘a luna,
io cchiù t’astrégno e cchiù te faje vicino,
io cchiù te vaso e cchiù te faje vasá.
Te vaso, e ‘o riturnello ‘e na canzone,
tra ll’arbere ‘e cerase vola e va.

Accarézzame.
Sento ‘a fronte ca mme brucia.
Ma pecché nun mme dá pace
stu desiderio ‘e te?

Accarézzame.
Cu sti mmane vellutate,
faje scurdá tutt’ ‘e peccate.
Strígneme ‘mbracci’a te.

Sott’a stu cielo trapuntato ‘e stelle,
mme faje sentí sti ddete ‘int’ ‘e capille.
Voglio sunná guardanno st’uocchie belle,
voglio sunná cu’tté.

Accarézzame.
Sento ‘a fronte ca mme brucia.
Ma pecché nun mme dá pace
stu desiderio ‘e te?

E nu rilorgio lentamente sona,
ma ‘o tiempo s’è fermato ‘nziem’â luna.
Io mme vurría addurmí ‘mmiez’a stu ggrano
tutta na vita, pe’ ll’eternitá.
E tu mm’accarezzasse chianu chiano
e mme vasasse, senza mme scetá.

Accarézzame.
Sento ‘a fronte ca mme brucia.
Ma pecché nun mme dá pace

 

 

 

 

 

 

storia

Menu