(anonimo)

Il titolo Quanne nascette ninno non identifica una sola canzone, ma una serie di componimenti entrati nel repertorio dei suonatori di zampogna. Tutti questi canti sono, in realtà delle varianti della celeberrima Tu scendi dalle stelle che Sant’Alfonso Maria de’ Liguori nel 1700.

Negli anni Settanta Quanne nascette ninno fu riscoperta e rilanciata dalla Nuova Compagnia di Canto Popolare; successivamente è stata inserita sia da Roberto De Simone che da Peppe Barra nelle loro rivisitazioni della Cantata dei pastori, la farsa religiosa scritta dal gesuita Andrea Perucci nel XVII secolo.

Il testo del canto, scritto in dialetto così da poter esser compreso dai fedeli napoletani, è costituito da strofe di sette versi ciascuna, eccetto alcune che sono irregolari.

Da segnalare le pregevoli versioni di Pina Cipriani e Brunella Selo.

TESTO DI QUANNE NASCETTE NINNO

Quanno nascette Ninno,
quanno nascette Ninno a Betlemme,
era notte e pareva miezojuorno.
Maje le stelle,
lustre e belle,
se vedèttero accussì.
E ‘a cchiù lucente,
jette a chiammà li Magge a ll’Uriente.

Maje le stelle,
lustre e belle,
se vedèttero accussì.
Se vedèttero accussì.

De pressa se scetajeno,
de pressa se scetajeno ll’aucielle,
cantanno de na forma tutta nova.
Pe’ nsi’ ‘agrille
co’ li strille
e zompanno ‘a ccà e ‘a llà.
“E’ nato. E’ nato”,
decévano, “lo Dio che nce ha criato”.

Pe’ nsi’ ‘agrille,
co li strille
e zompanno ‘a ccà e ‘a llà.
E zompanno ‘a ccà e ‘a llà.

Co’ tutto ch’era vierno,
co’ tutto ch’era vierno, Ninno bello,
nascettero a migliara rose e sciure.
Pe’ nsi’ ‘o ffieno
sicco e tuosto,
ca fuje puosto sott’a te,
se ‘nfigliulette
e de frunnelle e sciure se vestette.

Pe’ nsi’ ‘o ffieno,
sicco e tuosto,
ca fuje puosto sott’a te.
Ca fuje puosto sott’a te.

A no paese che,
a no paese che se chiamma Ngadde,
sciurettero le vvigne e ascette ll’uva.
Ninno mio
sapuretiello,
rappusciello d’uva si’ tu
ca, tutt’ammore,
faje doce ‘a vocca e po’ ‘mbriache ‘e core.

Ninno mio
sapuretiello,
rappusciello d’uva si’ tu.
Rappusciello d’uva si’ tu.

Non c’erano nemice
non c’erano nemice pe’ la terra.
La pecora pasceva co’ ‘o lione.
Co’ ‘o capretto,
se vedette
‘o liupardo pazzeà.
Ll’urzo e ‘o vetiello
e, co’ lo lupo, ‘mpace ‘o pecoriello.

Co’ ‘o capretto,
se vedette
‘o liupardo pazzeà.
‘O liupardo pazzeà.

S’arrevotaje ‘nsomma,
s’arrevotaje ‘nsomma tutt’ ‘o munno,
lo cielo, ‘a terra, ‘o mare e tutt’ ‘e ggente.
Chi dormeva,
se senteva
‘mpiett’ ‘o core pazzeà
pe’ la prejezza.
E se sonnava pace e contentezza.

Chi dormeva,
se senteva
‘mpiett’ ‘o core pazzeà.
‘Mpiett’ ‘o core pazzeà.

Guardavano le ppecore,
guardavano le ppecore ‘e Pasture.
E n’Angelo, sbrennente cchiù d’ ‘o sole,
comparette
e lle decette:
“Non ve spaventate, no.
Contento e riso,
la terra è addeventata Paraviso”.

Comparette
e lle decette:
“Non ve spaventate, no”.
“Non ve spaventate, no”.

A vuje è nato ogge,
a vuje è nato ogge, a Bettalemme,
d’ ‘o munno, ll’aspettato Sarvatore.
Dint’ ‘e panne
‘o trovarrite,
non potite maje sgarrà,
arravogliato
e dint’a lu Presebbio corecato.

Dint’ ‘e panne
‘o trovarrite,
non potite maje sgarrà.
Non potite maje sgarrà.

A meliune ll’Angiule,
a meliune ll’Angiule calaro,
co’ chiste se mettettero a cantare:
“Gloria a Dio,
pace ‘nterra.
Nu’ cchiù guerra, è nato già
lo rre d’ammore
che dà prejezza e pace a ogne core”.

“Gloria a Dio,
pace ‘nterra.
Nu’ cchiù guerra, è nato già”.
“Nu’ cchiù guerra, è nato già”.

Sbatteva ‘o core ‘mpietto,
sbatteva ‘o core ‘mpietto a sti Pasture
e ll’uno po’ deceva ‘nfacci’a ll’ato:
“Ché tardammo?
Priesto, jammo
ca mme sento ascevolì
pe’ lo golìo
ca tengo de vedé stu Ninno Dio”.

“Ché tardammo?
Priesto, jammo
ca mme sento ascevolì”.
Ca mme sento ascevolì.

Zompanno comm’a ciévere,
zompanno comm’a ciévere ferute,
jettero li pasture a la capanna.
Llà trovajeno
a Maria
co’ Giusepe e ‘a Gioja mia.
E ‘nchillo Viso
provajeno no muorzo ‘e Paraviso.

Llà trovajeno
a Maria
co’ Giusepe e ‘a Gioja mia.
Co’ Giusepe e ‘a Gioja mia.

Restajeno ‘ncantate,
restajeno ‘ncantate e voccapierte
pe’ tantu tiempo senza di’ parola.
Po’ jettanno,
lacremanno,
no sospiro pe’ sfogà.
Da dint’ ‘o core,
cacciajeno, a migliara, atte d’ammore.

Po’ jettanno,
lacremanno,
no sospiro pe’ sfogà.
No sospiro pe’ sfogà.

C’ ‘a scusa de donare,
c’ ‘a scusa de donare li presiente
se jettero azzeccanno chiano chiano.
Ninno no’
li rifiutaje,
ll’azzettaje, comm’a che,
po’ lle mettette
la mano ‘ncapa e li benedicette.

Ninno no’
li rifiutaje
ll’azzettaje, comm’a che.
Ll’azzettaje, comm’a che.

Piglianno confedenzia,
piglianno confedenzia a poco a poco,
cercajeno lecenzia a la Madonna.
Se magnajeno
li pedille
co vasille ‘mprimma e po’
chelle mmanelle,
a ll’urdemo, lo musso e ‘e mascarielle.

Se magnajeno
li pedille
co vasille, ‘mprimma e po’.
Co vasille, ‘mprimma e po’.

Po’ assieme se mettettero,
po’ assieme se mettettero a sonare
e a cantà co’ ll’Angiule e Maria
co’ na voce
accossì doce,
ca Gesù facette”Aaaah hà”
e po’ chiudette
chill’uocchie aggraziate e s’addurmette.

Co’ na voce,
accossì doce,
ca Gesù facette”Aaaah hà”.
Ca Gesù facette”Aaaah hà”.

La nonna che cantajeno,
la nonna che cantajeno a me mme
pare ch’avett’ ‘a èsse’
chella ca mo dico.
Ma ‘nfrattanto
io la canto,
‘mmaggenateve de stà
co li pasture
vicino a Ninno bello vuje pure.

Ma ‘nfrattanto
io la canto,
‘mmaggenateve de stà.
‘Mmaggenateve de stà.

Viene suonno da lu cielo,
viene adduorme a sto Nennillo,
pe’ pietà ch’è piccerillo,
viene suonno e nun tardà.

Gioja bella de sto core,
vorrìa suonno addeventare,
doce doce pe’ te fare
st’uocchie belle addormentà.

Ma si Tu, p’essere amato,
te si’ fatto Bammeniello,
sulo Ammore è ‘o sonnariello
che dormire te pò fà.

Ment’è chesto puó’ fà nonna,
pe’ te st’arma è arza e bona.
T’amo t’a’. Uh, ‘sta canzona
già t’ha fatto addobbecà.

T’amo Dio, bello mio,
t’amo Gioja, t’amo, t’a’.

Cantanno po’ e sonanno,
cantanno po’ e sonanno, li Pasture,
tornajeno a le mantre n’ata vota.
Ma che vuó’
che cchiù arrecietto
non trovajeno ‘int’a lo pietto.
A ‘o caro Bene,
facevano ogne poco ‘o va’ e biene.

Ma che vuó’
che cchiù arrecietto
non trovajeno ‘int’a lo pietto.
Non trovajeno ‘int’a lo pietto.

Lo ‘nfierno solamente,
lo ‘nfierno solamente e ‘e peccature
‘ncocciuse comm’a isso e ostinate
se mettettero
appaura,
pecché a ‘o scuro vonno stà
li spurtagliune,
fujenno da lu sole, li briccune.

Se mettettero
appaura,
pecché a ‘o scuro vonno stà.
Pecché a ‘o scuro vonno stà.

Io pure sóngo niro
io pure sóngo niro peccatore,
ma non boglio èsse’ cuoccio e ostinato.
Io non boglio
cchiù peccare,
voglio amare, voglio stà
co’ Ninno bello
comme nce sta lo voje e ll’aseniello.

Io non boglio
cchiù peccare,
voglio amare, voglio stà.
Voglio amare, voglio stà.

Nennillo mio Tu si’,
Nennillo mio Tu si’ sole d’ammore.
Faje luce e scarfe pure ‘o peccatore.
Quanno è tutto
niro e brutto
comm’a pece, tanno cchiù
lo tiene mente
e ‘o faje addeventà bello e sbrennente.

Quanno è tutto
niro e brutto
comm’a pece, tanno cchiù.
Comm’a pece, tanno cchiù.

Ma tu mme diciarraje,
ma tu mme diciarraje ca chiagniste,
acciò chiagnesse pure ‘o peccatore.
Aggio tuorto.
Ahje, fosse muorto
n’ora primma de peccà.
Tu mm’haje amato
e io, pe’ paga, t’aggio maltrattato.

Aggio tuorto.
Ahje, fosse muorto
n’ora primma de peccà.
N’ora primma de peccà.

E vuje uocchie mieje
e vuje uocchie mieje, doje fontane
avit’ ‘a fà, de lacreme, chiagnenno,
pe’ lavare,
pe’ scarfare,
li pedille de Giesù.
chisà, placato,
decesse: “Via, ca t’aggio perdonato”.

Pe’ lavare,
pe’ scarfare,
li pedille de Giesù.
Li pedille de Giesù.

Viato a me si aggio,
viato a me si aggio ‘sta fortuna.
Che maje potesse cchiù desiderare?
O Maria,
speranza mia
mentr’io chiagno, prega tu.
Penza ca pure
si’ fatta mamma de li peccature.

O Maria,
speranza mia
mentr’io chiagno, prega tu.
Mentr’io chiagno, prega tu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu