(Murolo – Tagliaferri) • 1925

Piscatore ‘e Pusilleco è un classi­co del repertorio partenopeo. I versi di Ernesto Murolo cantano di un inna­morato che piange il suo amore lontano mentre lo ascolta un pescatore che ogni notte attraver­sa il mare di Posillipo. Contrariamente al so­lito, il protagonista finirà per tornare fra le braccia della sua Maria.

Anche se il riferimento è a un mondo che già non esisteva più all’epoca della sua composizione, Piscatore ‘e Pusilleco è considerata la traduzione in musica di un quadro della prestigiosa Scuola di Posillipo. Il merito di un paragone così illustre va tanto alla vivacità dei versi quanto al delicato movimento di barcarola dell’arrangiamento firmato da Ernesto Tagliaferri.

Tra gli interpreti, da ricordare Beniamino Gigli, Giuseppe Di Stefano, Miranda Martino e, naturalmente, Roberto Murolo.

TESTO DI PISCATORE ‘E PUSILLECO

Piscatore ‘e stu mare ‘e Pusilleco
ch’ogne notte mme siente ‘e cantà.
Piscató’, sti pparole só’ lacreme
pe’ Maria ca luntana mme sta.

Dorme ‘o mare, voca, voca.
Tutt’è pace attuorno a me.

Ma pecché,
ma pecché mm’hê lassato,
mentr’io moro, stanotte, pe’tté?

Casarella d’ ‘o Capo ‘e Pusilleco,
spónta ‘a luna e te vène a vasà.
Quanta notte aggio perzo guardànnote,
quanta juorne aggio visto schiarà.

Dorme ‘o mare, voca, voca.
Tutt’è pace attuorno a me.

Ma pecché,
ma pecché mm’hê lassato,
mentr’io moro, stanotte, pe’tté?

Zitto oje core, ca ‘nterra Pusilleco,
veco n’ombra ca segno mme fa.
Na manélla e na voce mme chiàmmano.
Fra sti bbracce Maria vò’ turnà.

Dorme ‘o mare, oje bella viene.
‘Ncielo ‘a luna saglie e va.

Vita mia,
vita mia mme vuó’ bene?
Ca si è suonno nun farme scetà.

Dorme ‘o mare, voca, vo’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu