(E. Murolo-Tagliaferri) • 1930

Nun me scetà porta la firma della premiata ditta Murolo-Tagliaferri e, per molti, rappresenta la composizione che chiude l’epoca d’oro della canzone napoletana.

Con un tema musicale sospeso tra i canoni della barcarola e della romanza, si fregia di un testo molto ispirato. La parte descrittiva anticipa e si intreccia con il desiderio del protagonista di poter continuare a sognare, aspirazione ricorrente nella poetica partenopea.

Dal canto suo, la raffinata e ariosa melodia è ricca di pathos sviluppandosi in ampie volute.

Lanciata da Vittorio Parisi, divenne un successo di Gilda Mignonette che la fece conoscere in America. Fra gli altri interpreti si ricordano Gennaro Pasquariello, Elvira Donnarumma, Sergio Bruni e Roberto Murolo.

TESTO DI NUN ME SCETÀ

Quanta varche ‘e marenare
ca se vedono stasera,
cu na luce sott’ ‘a prora
pare ca ‘e stelle só’ cadute a mare.

Tutt’ ‘e ccanzone ‘e Napule
stanotte, ‘o core mio, vurrìa cantà.
Ma addó’ ce stanno lácreme,
addio felicità.

Cántame, oje marenà’, tutt’ ‘e ccanzone,
n’ora famme durmì sott’a ‘sta luna.
Famme sunnà che ancòra mme vò’ bene.

Famme ‘nzuonno murì,
nun mme scetà.

Comm’ ‘o paggio cantatore
ch’ ‘a riggina, pe’ na sera,
l’addurmette anema e core
e po’ ll’abbandunaje, scetáto, a mare,

tu pure, ‘mmiez’ê nnuvole,
stu core mm’ ‘addurmiste ‘mbracci’a te.
E a mare, chino ‘e làcreme,
stanotte ‘o faje cadé.

Voca ohé.
Comm’ ‘a femmena è ‘o mare,
Comm’ ‘o mare è ll’ammore.
Voca ohé.

Cántame, oje marenà’, tutt’ ‘e ccanzone,
n’ora famme durmì sott’a ‘sta luna.
Famme sunnà che ancòra mme vò’ bene.

Famme ‘nzuonno murì,
nun mme scetà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu