(Califano-Gambardella) • 1911

Che Ninì TIrabusciò fosse destinata ad un grande successo popolare lo si capì subito. Un articolo del Corriere della Sera del 13 settembre 1911 diede conto di un fortissimo gradimento del pubblico. Il riferimento era alla sua presentazione avvenuta qualche giorno prima al teatro Trianon in occasione della Piedigrotta. L’anonimo cronista non ebbe dubbi nel motivare le ragioni di quella calorosa accoglienza. “I meriti sono in gran parte di Pasquariello, capace di una deliziosa comicità nella sua goffa acconciatura muliebre”.

La figura di Ninì Tirabusciò è una delle più spregiudicate tra le tante sciantose dell’epoca. D’altronde, afferma con convinzione che per cantare non serve la voce, ma basta sollevare il vestito e fare la “mossa”. Per trovare la protezione di qualche abile impresario o ricco “abbitué” è sufficiente questo…

L’audace filosofia di Ninì Tirabusciò è spiegata in un testo che appartiene alla migliore tradizione macchiettistica partenopea. Molto efficace e movimentato il motivo musicale di estrazione popolaresca.

Tra le innumerevoli interpretazioni, si ricordano quelle di Angela Luce e Miranda Martino. Nel 1970 ha ispirato il film “Nini Tirabusciò, la donna che inventò la mossa”, con Monica Vitti.

TESTO DI NINÌ TIRABUSCIÒ

Chillu turzo ‘e mio marito
nun se pò cchiù suppurtà.
Ll’aggi’ ‘a cósere ‘o vestito.
Mm’aggi’ ‘a mettere a cantà.

Tutto è pronto. Stó’ aspettanno
na scrittura p’ ‘a firmà.
Nun appena che mm’ ‘a danno,
vaco fore a debuttà.

Ho scelto un nome eccentrico:
“Ninì Tirabusciò”.
Oh, oh, oh.
Oh, oh, oh.
Addio mia bella Napoli,
mai più ti rivedrò.
Oh, oh, oh.
Perderai Tirabusciò.

Ne cunosco tante e tante
ca nun só’ cchiù meglio ‘e me
e cu ‘e llire e cu ‘e brillante
só’ turnate da ‘e tturné.

‘A furtuna, s’è capito,
‘ncopp’ ‘e ttavule se fa.
Ca fatiche e ghiétt’ ‘acito,
che risorse puó’ sperà?

Aìz’ ‘a vesta, smuóvete.
E’ ll’epoca ch’ ‘o vvò’.
Oh, oh, oh.
Oh, oh, oh.
Addio mia bella Napoli,
mai più ti rivedrò.
Oh, oh, oh,
perderai Tirabusciò.

Pe’ cantà nun serve ‘a voce,
è ‘o partito ca nce vò’.
Po’ ‘e ccanzone miette ‘ncroce
ca faje “bisse” quante vuó’.

Dai il tuo cuore ‘ncopp’ ‘a piazza
ai più ricchi abitué.
Vide po’ si ‘un fanno ‘a mazza
ll’ate artiste ‘nnanze a te.

E’ chesta ‘a vera tattica
‘e na sciantosa ‘e mo.
Oh, oh, oh.
Oh, oh, oh.
Addio mia bella Napoli,
mai più ti rivedró.
Oh, oh, oh.
Perderai Tirabusciò.

Radio Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu