(Romeo) • 1957

Malatia fu lanciata dal suo autore, il cantante e chitarrista napoletano Armando Romeo, affermato entertainer degli anni Cinquanta.

Inizialmente la canzone ebbe una popolarità quasi esclusivamente locale, riflesso della diffusione che ebbero le sue numerose versioni da night. La sua storia mutò completamente quando fu incisa da Peppino di Capri. L’arrangiamento che ne fece con i Rockers lasciò immutata la linea melodica, ma ne cambiò l’andamento ritmico.

Tra le innovazioni introdotte dal cantante caprese ci fu anche quella di ripetere l’inciso in inglese assecondando una moda dell’epoca.

A distanza di decenni, rimane, comunque, un evergreen del repertorio da night. Ancora oggi, trova apprezzate interpretazione in chiave crooner. Da segnalare quella di Massimo Ranieri caratterizzata da un raffinato arrangiamento jazz.

TESTO DI MALATIA

Cchiù ‘e na passione
tu si’ pe’ stu core,
cchiù forte ‘e n’ammore
tu si’ pe’ me.

Tu si’ na malatia
ca mme dá na smania ‘e te vedé,
mme vène ‘a frennesía
tutt’ ‘e ssere quanno aspetto a te.

Tu si’ na malatia,
ca se sana sulo ‘mbracci’a te.
Quanta malincunia
quanno resto sulo senza ‘e te.

Ammore suonname
quanno t’adduorme.
Ammore vasame
comme vogl’i’.

No, no… nun mme lassá!
Si po’ nun tuorne,
‘sta malatia
mme fa murí.

Tu si’ na malatia
ca se sana si tu staje cu me.
Si’ tutta ‘a vita mia,
chistu core cerca sempe a te.

Si’ tutt’ ‘a vita mia,
chistu core more senza ‘e te.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu