(Pisano-Cioffi) • 1940

M’aggia curà è una delle canzoni più note di Pisano e Cioffi, ma anche uno dei brani più popolari del genere della macchietta napoletana. Il testo descrive ironicamente le ansie del protagonista colpito da un fortissimo dolore alla testa, ovviamente causato da delusioni amorose.

M’aggia curà si regge su un ritmo molto allegro che ben sostiene il tono discorsivo del testo ricco di espressioni comiche.

Come tanti altri titoli nati dalla inesauribile vena comica degli autori, anche questa canzone fu lanciata con grande successo da Nino Taranto, che ne fece un suo cavallo di battaglia. Tra le interpretazioni più moderne c’è quella di Lina Sastri.

TESTO DI M’AGGIA CURÀ

Mm’aggia curá…Mm’aggia curá:
‘Mmiez’a ‘sta capa,
na cosa pesante pesante mme sento…
Mi fermo qua…mi fermo lá…
e, a squarciagola,
mi metto a contare
da uno a trecento!…
E’ pazzo ‘o ‘í!…
E’ pazzo ‘o ‘í!…

‘A gente dice: Fuíte, fuí’!…

Il viso del folle,
l’ho fatto per te;
il grugno del pazzo,
lo tengo per te…
Ho venduto trecento carrozze,
ho venduto trecento palazzi…
‘A faccia do pazzo…
l’ho fatta per te!

Comme mme pesa ‘sta capa, nèh!
Comme mme pesa ‘sta capa, nèh!
Aíza!
Ched’ è?
Aíza!
Ched’ è?

‘A capa mme pesa, gué!

Mm’aggia curá!…Mm’aggia curá!
Oggi il dottore
mi ha detto: “Mio caro, vuje state ‘nguajato!
Guardate qua…toccáte qua…”
E, areta capa,
na specie ‘e na palla
‘e tennis ha truvato…

E’ tosta ‘a ‘í!…
E’ tosta ‘a ‘í!…

Ah, comm’è tosta ‘sta palla ‘e tenní…

Il viso del folle
l’ho fatto per te…
‘A capa cu ‘a palla
‘a tengo pe’ te!
Ho venduto tre quadri e uno schizzo,
quattro penne di struzzo e un arazzo…
‘A faccia do pazzo…
l’ho fatta per te!

Comme mme pesa ‘sta capa, nèh!
Comme mme pesa ‘sta capa, nèh!
Aíza!
Ched’è?
Aíza!
Ched’è?

Mm’aggia curá…Mm’aggia curá!
Ih, che mm’hê fatto
o donna perversa, bugiarda e spergiura!…
Che pòzzo fá?…Che pòzzo fá?
Se mi suicido,
vedendomi morto,
mme metto paura!

Mm’aggia spará!
– Nun te spará!… –

‘A gente dice che è meglio a campá.

Il viso del folle
l’ho fatto per te!
Allora mo campo…
ch’è meglio pe’ me!
Mo mme magno na sarda e na pizza,
na scamorza e na capa ‘e merluzzo:
‘O pranzo do pazzo…
lo faccio per te!

Comme mme pesa ‘sta capa, nèh!
Comme mme pesa ‘sta capa, nèh!
Aíza!
Ched’ è?
Aíza!
Ched’ è?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu