(Daniele) • 1984

Lazzari felici compone con Terra mia e Donna Cuncetta il trittico delle migliori canzoni acustiche di Pino Daniele.

Il suggestivo accompagnamento di chitarra classica è impreziosito da un emozionante intervento al contrabbasso di Rino Zurzolo. Ricco di impressioni malinconiche e struggenti, il testo trova ispirazione nella condizione girovaga dei musicisti, immaginati, appunto, come lazzari felici.

TESTO DI LAZZARI FELICI

Simmo lazzari felici,
gente ca nun trova cchiù pace,
quanno canta se dispiace,
è sempe pronta a se vuttà
pe’ nun perdere l’addore.

Simmo lazzari felici,
male ‘e rine ma nun se dice,
musicante senza permesso ‘e ce guardà
e cu ‘e spalle sotto ‘e casce
nun se sente cchiù
l’addore ‘e mare,
c’ ‘o Volto Santo ‘mpietto
e ‘a guerra dint’ ‘e mmane
sapenno ca e’ fernuta.

Si haje ‘a ascì
po’ fatte ‘a croce,
cammenanno nun pô fa’ pace
aiza ‘a capa e so’ tutte ‘nciuce
ca nun se ponno acchiappa’,
e c’ ‘a faccia già scippata
‘a chesta musica ca è mariola
pe’ dinto ‘e carusielle,
s’arrobba ‘a vita e sona
sapenno ca è fernuta.

E intanto passa ‘stu Noveciento
passammo nuje s’acconcia ‘o tiempo,
si arape ‘o stipo
saje addo’ staje
e nun te scurdà maje.

E intanto passa ‘stu Noveciento
cammisa ‘a fora
‘ncuorpo t’ ‘o ssiente,
e rieste allerta
tutt’ ‘a nuttata
penzanno a ‘ddò si’ stato,
penzanno a ‘ddò si’ stato.

Radio Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu