L’addio rivela sin dal titolo la sua natura drammatica: è una canzone per un amore irrimediabilmente destinato a finire. È senza dubbio una delle migliori prove della coppia formata da Libero Bovio e Nicola Valente. Una melodia dall’articolazione raffinata e di difficile interpretazione si lega perfettamente ad un testo di notevole portata espressiva. Molto apprezzata dalla critica l’alternanza tra il carattere colloquiale della strofa e la tensione emotiva del ritornello. Il brano risale al 1923.

L’ADDIO E RENZO ARBORE

L’addio fu lanciata da Elvira Donnarumma al Teatro Bellini di Napoli. Fra le numerose interpreti, si ricordano Giulietta Sacco, Angela Luce e Miranda Martino. I primi versi della canzone hanno ispirato a Renzo Arbore il titolo del suo (bruttissimo) film FF.SS. Che mi hai portato a fare sopra a Posillipo se non mi vuoi più bene?

TESTO DELLA CANZONE

Che mm’hê purtata a fá cu te stasera?
T’ ‘avevo ditto: “Che mme puorte a fá?”
I’ tengo ‘a faccia janca cchiù d’ ‘a cera
e tu nun tiene ‘a forza ‘e mme parlá.

Pusilleco.
Mandulinata ‘e Napule
sunata da ‘e ssirene.

Che mm’hê purtata a fá ‘ncoppo Pusilleco,
si nun mme vuó’ cchiù bene?

‘O ssaccio, nun si’ tu, ninno mio d’oro,
è ‘o core tujo ca nun mme cura cchiù.
Ma nun avé paura ca, si moro,
io nun ‘o ddico ca si’ stato tu.

Pusilleco.
Mandulinata ‘e Napule
sunata da ‘e ssirene.

Che mm’hê purtata a fá ‘ncoppo Pusilleco,
si nun mme vuó’ cchiù bene?

Radio Napoli

Clicca qui e ascolta radio Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu