(Cutolo–Cioffi) • 1944

Dove sta Zazà? fu lanciata da Aldo Tarantino nel corso della Piedigrotta del 1944. Si deve, però, a Nino Taranto l’interpretazione che l’ha resa una delle più famose canzoni del genere macchiettistico.

La ricerca affannosa di un personaggio tanto misterioso quanto simbolico è il leit motiv sul quale si basa il celebre ritornello. Si tratta di un momento teatrale in cui alla domanda “Dove sta Zazà?” si aggiungono incitamenti ed espressioni di richiamo. Tutte caratterizzate da un ritmo incalzante e incisivo. La storia della canzone è ricca di aneddoti, molti dei quali sono riportati in uno specifico articolo del nostro blog. Nel 1947 ispirò l’omonimo film diretto da Giorgio Simonelli. Il film non ebbe problemi con la censura, li ebbe, invece, il manifesto che lo pubblicizzava: fu considerato troppo osé.

Il brano entrò subito nel repertorio di molti complessi bandistici. Ha vissuto un grande rilancio negli anni ’70 quando a riproporlo con grande maestria fu Gabriella Ferri. Di recente, il gruppo Banda Brasileira ne ha fatto un’azzeccata versione.

TESTO DI DOVE STA ZAZÀ?

Era la festa di San Gennaro,
quanta folla per la via,
con Zazá, compagna mia,
me ne andai a passeggiá.

C’era la banda di Pignataro
che suonava il “Parsifallo”
e il maestro, sul piedistallo,
ci faceva deliziá.

Nel momento culminante
del finale travolgente,
‘mmiez’a tutta chella gente,
se fumarono a Zazá.

Dove sta Zazá?
Uh, Madonna mia.
Come fa Zazá,
senza Isaia?
Pare, pare, Zazá,
che t’ho perduta, ahimé.
Chi ha truvato a Zazá
ca mm’ ‘a purtasse a me.
Jámmola a truvá,
sù, facciamo presto.
Jámmola a incontrá
con la banda in testa.
Uh, Zazá.(3)
Tuttuquante aîmm’ ‘a strillá:
Zazá, Zazá,
Isaia sta ccá. (3)
Zazá, Zazá,
za-za-za-za.
Comm’aggi ‘a fá pe’ te truvá?
I’, senza te, nun pozzo stá.
Zazá, Zazá,
za-za-za-za.
Za-za-za-za-za-za-zá.

Era la festa di San Gennaro,
ll’anno appresso cante e suone,
bancarelle e prucessione,
chi se pò dimenticá?

C’era la banda di Pignataro,
centinaia di bancarelle
di torrone e di nocelle
che facevano ‘ncantá.

Come allora, quel viavai
ritornò per quella via.
Ritornò pure Isaia,
sempre in cerca di Zazá.

Dove sta Zazá?
Uh, Madonna mia.
Come fa Zazá,
senza Isaia?
Pare, pare, Zazá,
che t’ho perduta, ahimé.
Chi ha truvato a Zazá,
ca mm’ ‘a purtasse a me.
Se non troverò
lei, ch’è tanto bella,
mm’accontenterò
‘e trová ‘a sorella.
T’amerò, (3)
pure a lei glielo dirò
che t’amerò.
T’amerò, Zazá (3)
Zazá, Zazá,
za-za-za-za
che t’amerò ll’aggi’ ‘a cuntá.
Con tua sorella aggi’ ‘a sfugá.
Zazá, Zazá,
za-za-za-za.

Zazá, Zazá,
za-za-za-za.
Comm’aggi’ ‘a fá pe’ te truvá?
I’, senza te, nun pòzzo stá.
Zazá, Zazá,
za-za-za-za-za.
Za-za-za-za-za-za-zá.

Radio Napoli

Radio Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu