(Fusco–Falvo) • 1930

Dicitencello vuje è la più appassionata, e insieme disperata, dichiarazione d’amore della canzone napoletana. Inimitabile nello schema in cui l’uomo si rivolge all’amica della donna amata svelando solo nel finale che quella donna amata è, in realtà, proprio lei.

Pubblicata dalla casa editrice La Canzonetta nel 1930, Dicitencello vuje vanta innumerevoli interpretazioni. Tre le altre spiccano quelle di Dean Martin, Connie Francis, Tony Bennet e Nina Simone.

Ad Alan Sorrenti va, invece, il merito di averla rilanciata nel 1974 con un’originale versione cantata in falsetto.

TESTO DI DICITENCELLO VUJE

Dicitencello a ‘sta cumpagna vosta
ch’aggio perduto ‘o suonno e ‘a fantasia,
ch’ ‘a penzo sempe,
ch’è tutt’ ‘a vita mia.
I’ nce ‘o vvulesse dicere,
ma nun ce ‘o ssaccio dí.

‘A voglio bene,
‘a voglio bene assaje.
Dicitencello vuje
ca nun mm’ ‘a scordo maje.
E’ na passione,
cchiù forte ‘e na catena,
ca mme turmenta ll’anema
e nun mme fa campá.

Dicitencello ch’è na rosa ‘e maggio,
ch’è assaje cchiù bella ‘e na jurnata ‘e sole.
Da ‘a vocca soja,
cchiù fresca d’ ‘e vviole,
i’ giá vulesse sèntere
ch’è ‘nnammurata ‘e me.

‘A voglio bene,
‘a voglio bene assaje.
Dicitencello vuje
ca nun mm’ ‘a scordo maje.
E’ na passione,
cchiù forte ‘e na catena,
ca mme turmenta ll’anema
e nun mme fa campá.

Na lácrema lucente v’è caduta,
dicíteme nu poco, a che penzate?
Cu st’uocchie doce,
vuje sola mme guardate.
Levámmoce ‘sta maschera,
dicimmo ‘a veritá.

Te voglio bene,
te voglio bene assaje.
Si’ ttu chesta catena
ca nun se spezza maje.
Suonno gentile,
suspiro mio carnale,
te cerco comm’a ll’aria,
te voglio pe’ campá.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu