(Manlio-Gigante) • 1952

Desiderio ‘e sole è una canzone che si riallaccia al fenomeno migratorio che interessò le regioni meridionali negli anni ’50. Stavolta non si emigrava verso le Americhe ma verso il nord Italia e i paesi europei settentrionali. Le storie degli emigranti, però, non cambiavano e Desiderio ‘e sole ne racconta una esemplare. Quella di un lavoratore che non riesce ad ambientarsi nel nuovo paese dove il sole pare che non spunti mai.

La struttura della melodia è in perfetto equilibrio con il testo mantenendosi ariosa e struggente. Desiderio ‘e sole vinse il primo Festival di Napoli dove fu presentata in coppia da Nilla Pizzi e Franco Ricci. Nel 1954 ispirò il film omonimo con Giacomo Rondinella e Virna Lisi.

La canzone è rimasta legata al nome di Nilla Pizzi, che la portò trionfalmente fra gli emigranti di tutto il mondo. Fra gli altri interpreti: Roberto Murolo e Claudio Villa.

TESTO DI DESIDERIO ‘E SOLE

E comm’è scuro ‘o cielo ‘e stu paese,
‘e nnuvole cchiù nere stanno ccá.
‘A primmavera nosta è n’ata cosa,
chi sta luntano nun s’ ‘a pò scurdá.

‘O sole,
è bello ‘o sole
ca vène, t’accarezza e se ne va.

Ammore, ammore mio,
‘sta pecundría
mm’astregne ‘o core.

Sentesse maje pe’ ll’aria na canzone,
sentesse maje na voce ca vo’ bene.
Ammore, ammore mio,
p’ ‘a nustalgía, io mme ne moro.

Spuntasse maje nu sciore a stu paese.
Che desiderio ‘e sole
ca spacca ‘e pprete e ‘nfòca tutt’ ‘e ccase.

‘O juorno ca mme scrive na parola
e ca mme daje ‘a speranza ‘e te vedé,
dint’a stu cielo niro sponta ‘o sole
ca vène a dá calore ‘mpiett’a me.

Stu core,
stu scemo ‘e core,
s’ ‘a passa sempe a chiagnere pe’ te.

Ammore, ammore mio,
‘sta pecundría
mm’astregne ‘o core.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu