(Redi-Natili) • 1951

Aggio perduto ‘o suonno ha un testo ispirato e un gradevole andamento a tempo di beguine. Viene considerato uno dei brani che contribuì al rinnovamento della canzone napoletana nel secondo dopoguerra. Perfetta per le voci confidenziali, trovò il suo naturale habitat interpretativo nei night, dove, in effetti, vide nascere il suo successo.

Diversamente dal solito, questa canzone non è infarcita di lacrime e rimpianti per amori perduti, piuttosto gelosia e paure prendono la forma dell’irrequietudine. Ha conosciuto centinaia di incisioni in tutto il mondo.

Fra queste, quelle di Roberto Murolo, Ugo Calise, Anna Magnani, Gloria Christian e Pier Angeli.

TESTO DI AGGIO PERDUTO ‘O SUONNO

E’ notte chiena e s’è addurmuto ‘o mare,
ma io sto’ scetato e spásema stu core.
‘E vvoce, ‘e notte, se só’ fatte rare
e i’ resto sulo ‘int’a ll’oscuritá.
Dormono ‘e rrose ‘int’ ‘o ciardino,
surtanto ‘o core mio nun pò durmí.

Aggio perduto ‘o suonno
pe’ chist’ammore,
aggio perduto ‘o core
appriesso a te.
Nu juorno mme faje campá,
nu juorno ‘mpazzí.
Stu bbene mme fa danná,
st’ammore murí!
Vivo pe’ ‘sta passione ánema mia.
Tanta è ‘a gelusia ca tengo ‘e te
e tremma stu core mio
pecché hâ paura ‘e te lassá.
Aggio perduto ‘o suonno
pe’ ‘sta felicitá.

5 Commenti. Nuovo commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu