(Anonimo) • inizio 1800

Fenesta vascia è probabilmente il più importante tra i brani raccolti da Guglielmo Cottrau, editore e com­positore napoletano che nella prima metà dell’Ottocento diede un notevole contributo alla diffusione della canzone napoletana.

Basata su un ritmo lento di pastorale, Fenesta vascia è una serenata appassiona­ta costellata di immagini struggenti che raggiungo­no momenti di grande intensità drammatica.

Nel corso degli anni ha trovato interpreti eccelsi come Roberto Murolo, Luciano Pavarotti, Fausto Cigliano nonché Giorgia e Noa. Qui è possibile leggere un approfondimento.

TESTO DI FENESTA VASCIA

Fenesta vascia ‘e padrona crudele,
quanta suspire mm’haje fatto jettare.
Mm’arde stu core, comm’a na cannela,
bella, quanno te sento annommenare.

Oje piglia la ‘sperienza de la neve.
La neve è fredda e se fa maniare.
E tu comme si’ tanta aspra e crudele?
Muorto mme vide e nun mme vuó’ ajutare?

Vorría addeventare no picciuotto,
co na langella1 a ghire vennenn’acqua,
pe’ mme ne jí da chisti palazzuotte.
Belli ffemmene meje, ah. Chi vó’ acqua.

Se vota na nennella da llá ‘ncoppa:
“Chi è ‘sto ninno ca va vennenn’acqua?”
E io responno, co parole accorte:
“Só’ lacreme d’ammore e non è acqua”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu