‘A canzone d’ ‘a felicità

‘A canzone d’ ‘a felicità è un tipico esempio dello stile pittorico di Ernesto Murolo. Il brano può considerarsi un vero inno alla vita (borghese) con i suoi versi raffinati e pieni di colori. Il tono musicale è allegro e brillante con riferimenti alla tarantella. L’andamento musicale voluto da Ernesto Tagliaferri, comunque, si caratterizza per il taglio deciso e moderno. Molto efficace l’inciso onomatopeico “Glu-glu-glu…/comm’ ‘o palummo i’ so’/e ‘a notte, ”mbracc’ a me,/na turturella si’…”

Portata alla ribalta da Elvira Donnarumma, la canzone conobbe una vasta popolarità e, tra le interpreti femminili, annovera anche Gilda Mignonette. Da segnalare le versioni di Sergio Bruni e, naturalmente, di Roberto Murolo.

TESTO DI ‘A CANZONE D’ ‘A FELICITÀ

Na bella luggetella a Marechiaro,
cu ‘a tènna e ‘a luce elettrica p’ ‘a sera;
Teresenella cu ‘e bbraccelle ‘a fore,
s’abbraccia nu palummo e guarda ‘o mare…
E, a ll’aria fresca ‘e nu tramonto d’oro,
na voce ‘nterr’â rena ca suspira.

“Glu-glu-glu…
comm’ ‘o palummo i’ so’
e ‘a notte, ”mbracci’a me,
na turturella si’…”
Canta! Canta!
Cant a chi vo’ cantá…
Chest’è ‘a canzone d”a felicitá.

Nu juorno, nu vicchiotto cu ‘e denare,
cercaje a Teresenella pe’ mugliera…
Dicette ‘a mamma d’essa: “Quant’onore…”
E ‘o pate, ‘a copp”a mano: “Che piacere!…”
Ma, ‘e notte, se sentette dint”o scuro,
cchiù doce, ‘a stessa voce,
‘mmiez’ ‘o mare:

“Glu-glu-glu… (rit)

‘A sera d’ ‘a parola… Ammore! Ammore!
‘A sposa scumparette… e bonasera!
Sudava friddo ‘o viecchio e, p”a tintura,
s’era ‘nguacchiata ‘a faccia nera nera!…
E pe’ Surriento, sott’ ‘a luna chiara,
felice, suspiravano duje core.

“Glu-glu-glu… (rit)

Radio Napoli

Clicca qui e ascolta Radio Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu